Approfondimenti e Strategie di Web Marketing

Truffa presunta ? Ricava le informazioni del venditore su Ebay

Chi acquista massivamente su Ebay, prima o poi incapperà in qualche furbetto pronto a fregarli qualche soldino.

Una funzionalità di sicurezza offerta da Ebay, utile nei casi di truffa e non, è quella che permette di ricavare le informazioni del venditore (nome, cognome, indirizzo, telefono, ecc… ) con cui si è conclusa una trattativa. Queste informazioni, nel caso di un furbetto esperto, nella maggior parte dei casi saranno false… ma se il furbetto non è tanto furbo, magari sono vere e avrete qualcosa in più per poter agire (spero non con la violenza, ma con la giustizia 😉 ).

Ad esempio, se ho acquistato tramite un’asta o un’inserzione “compralo subito” un oggetto, è possibile ricevere tutte le informazioni del venditore. Ovviamente, per ovvie ragioni di privacy, non sarà possibile ricavare le informazioni di tutti, ma solo con la persona con cui si è concluso un acquisto.

Tramite la pagina “Informazioni di contatto“, sarà possibile ricevere le informazioni relative al venditore. Andrà inserito il nome utente del venditore o il numero dell’inserzione. Riceverete una mail con le informazioni personali del venditore. Anche il venditore riceverà una email con i vostri dati.

Quando la persona da cui si compra qualcosa ha pochi feedback o per qualche ragione si reputa non sicura al 100%, il consiglio è quello di pagare con i metodi accettati da ebay, Paypal in primis (la carta postapay e le altre carte ricaricabili non sono accettate da ebay). Questo perchè, se il furbetto riesce nella sua impresa, tramite il “Programma di protezione acquirenti“, Ebay o Paypal, nella maggior parte dei casi vi risarcirà.

2 Commenti

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


2 Risposte a “Truffa presunta ? Ricava le informazioni del venditore su Ebay”

  1. 1

    sciura pina dice:

    Ogni tanto acquisto qualche vecchia cartolina e, comunque, do spesso un’occhiata ai forum: è incredibile scoprire quanti richiedano e paghino cifre anche consistenti con ricariche postepay (che logicamente non lasciano traccia e non sono tutelate)

  2. 2

    Daniele dice:

    Pina ci sono delle buone ragioni per pagare con la Postapay. Costo ridotto, pagamento in real time, ecc…

    Concordo pienamente con quello che dici. Se si tratta di cifre consistenti, meglio pagare con le altre modalità!

Spiacente, i commenti sono chiusi.