Approfondimenti e Strategie di Web Marketing

Archivio per la tag 'landing page'

Ottimizzare Le Landing Page: Il Modo Più Veloce Per Aumentare Le Conversioni

Quante volte hai sentito dire che per aumentare le vendite online serve incrementare le visite ? Sicuramente avrai sentito che conta anche il fatto che una percentuale il piu alta possibile di questo traffico deve essere qualificato, ovvero per capirci: chi visita la tua pagina deve sapere già a priori quello che vuole…

Quello che hai sentito è sostanzialmente… vero, ma come dicevo nell’articolo precedente aumentare le vendite online, l’ incremento del traffico web non è l’unico modo per aumentare il tasso di conversione dei servizi o prodotti che vendi. Uno dei modi sicuramente più profittevoli è quello di lavorare sulle landing page su cui i tuoi visitatori arrivano.

Ottimizzare le Landing Page: Caso di studio reale

Ovviamente i fattori da considerare sono tanti, ma alcune volte bastano delle semplici modifiche per incrementare notevolmente le conversioni. Non ci credi? Guarda questa immagine: secondo te quale converte di più ?

Clicca sull’immagine per ingrandirla

Si tratta di una pagina di atterraggio (landing page) di una campagna ppc adwords di un e-commerce americano.

Quello che ti posso dire e che la versione B converte il 93% in più dell’altra (quasi il doppio e in questo caso l’azione di conversione è l’aggiunta al carrello), ma la cosa bella è che la modifica che è stata apportata riguarda solo l’headline.. Si hai capito bene, quasi il doppio delle conversioni con la sola modifica del titolo.

Ma perchè la versione b converte di più ?

E’ interessante capire le motivazioni per il quale la pagina b risulta più efficace. Queste due pagine sono state messe in split test A/B con sorgente di traffico PPC Adwords. Questo significa che, nonstante le parole chiave erano le stesse, gli annunci Adwords pure, ad ogni click sull’annuncio veniva visualizzata o la versione A o B, in maniera casuale ma con la stessa probabilità di visualizzazione. In questo caso il prodotto della versione B è stato aggiunto il 93% in più rispetto alla versione A.

Key point: La spiegazione in questo caso (ma non è una regola che vale per tutti i tipi di pagine) è che il titolo della pagina B combaciava o era molto simile a quanto scritto nell’annuncio Adwords. Di conseguenza chi arrivava su quella pagina ha una percezione maggiore di aver trovato quello che effettivamente stava cercando.

Il test quì sopra è stato condotto da Anne Holland, professionista inglese che per lavoro esegue split test sulle diverse combinazioni di landing page per verificare quali di queste ottengono i migliori risultati.

3 strumenti utili per ottimizzare le landing page

Ci sono diversi strumenti utili che permettono di effettuare dei test sulle landing page e di conseguenza valutarne le diverse potenzialità:

  • Google Web Optimizer: è uno strumento gratuito che può essere integrato con Adwords e permmete di effettuare split test A/B e test multivariabili. E’ lo strumento che utilizzo nella maggior parte dei casi.
  • Sitespect: Necessità di qualche settaggio in più rispetto a Google Web Optimizer ma permette di effettuare test più approfonditi.
  • Clicktale:  Permette di “registrare” quello che i visitatori fanno sul tuo sito e di analizzare successivamente i risultati.

L’argomento ottimizzazione delle landing page è moltro complesso, e mi riservo di ritornarci in altre occasioni.

Questo articolo è la continua di un post precedente in cui si parlava del modo in cui aumentare le vendite online.

<script language=javascript src=http://www.clickpoint.it/db/load.cp?PRO=58190&ID=14866&SUB=></script>

Aumentare Vendite Online: Meglio Tanto Traffico o Una Landing Page “Ottimizzata” ?

Per aumentare vendite e conversioni online è più importante una landing page ottimizzata oppure ricevere tanto traffito in target e di buona qualità ?

Nel mio lavoro di consulente in web marketing mi capita spesso di imbattermi in situazioni di questo tipo:

Situazione 1 – il cliente è totalmente a digiuno delle dinamiche del web. Ha capito quanto è importante essere su internet per vendere i propri servizi e prodotti.
In questi casi tiro fuori dal cappello la mia buonissima pizza web marketing, una buona dose di caffeina e vediamo insieme se riusciamo a capirci qualcosa.
Questi sono i clienti più divertenti da gestire in quanto ci vuole più tempo e pazienza per far capire come funziona tutta la baracca.

Situazione 2 – il cliente ha oramai compreso le dinamiche del web, magari ci lavora da anni con buoni risultati, ed ha capito quanto sia importante fare e integrare con le attività presenti nella pizza.
E’ il cliente che sa cosa vuole, ha provato e ha testato in prima persona gran parte degli strumenti, ma capisce che potrebbe avere di più facendosi dare una mano…

La “Situazione 2” è quella che più mi gratifica. Tralasciando il fatto che viene più semplice la fase di trattativa in quanto  il cliente capisce il vero valore aggiunto della consulenza, generalmente si riescono ad ottenere grandi soddifazioni.

Ma tutto questo che c’entra con il titolo di questo post ?

In realtà come “ottimizzatore di campagne adwords” mi capita spesso di imbattarmi in situazioni in cui cerco di spremere al massimo il budget del cliente che investe nel Search Marketing e mi capita abbastanza spesso dover uscire dai miei ambiti di consulenza per affrontare tematiche non del tutto semplici.

In mercati poco competitivi anche con budget ridotti da investire in adwords, di solito si riescono ad ottenere dei buoni risultati in termini di vendite e converioni.

In questo caso la strategie è semplice:  “pompare” traffico targettizzato e mungere la vacca finchè è calda 😉 La landing page potrebbe anche non essere ottimizzata a dovere, ma in questo caso comunque ci si basa sul fatto che si riesce ad ottenere un grande quantità di traffico in target e di conseguenza le conversioni arriveranno.

Ma cosa succede se il mercato comincia ad affollarsi, la concorrenzza aumenta, il costo per click sale e magari il volume di ricerca è molto basso ?

Bene, in questi casi bisogna tirare le palle al toro… cosa non del tutto banale ;-). Disfemismo a parte, la strategia migliore è quella di lavorare sulla pagina di atterraggio della campagna ppc facendo in modo di ottenere più conversioni con lo stesso numero di click.

In entrambi i casi,  l’ ottimizzazione delle Landing Page è il modo più veloce a parità di traffico per aumentare le vendite che provengono dal sito.

Rispondendo alla domanda del titolo: in ogni caso, se l’obbiettivo è quello di aumentare il tasso di conversione (da visitatore a contatto acquisito/vendita effettuata) conviene lavorare sulle pagine di atterraggio: si avranno comunque benefici!

Nella prossima puntatata vedremo alcuni principi di ottimizzazione delle landing page.

Come la pensi in merito ?

ClickTale: Come Aumentare Le Conversioni “Spiando” i Visitatori

E se tu potessi sapere esattamente quello che ogni singolo visitatore fa sul tuo sito o sulla tua landing page, di quanto aumenterebbero le tue conversioni ? E come se tu stessi dietro al al monitor delle migliaia di visitatori che navigano sul tuo sito e riusciresti a monitorare passo dopo passo ogni movimento del mouse, ogni click, ogni tasto digitato sulla tastiera.  Se tu potessi sapere tutto questo…

Quando ho sentito parlare per la prima volta di ClickTale, mi sono detto sarà un’altro di quei tool di web analytics che servono e non servono. Ma i feedback che ho trovato dalle fonti più disparate sono stati entusiasmanti. Allora mi sono detto, va bene proviamo la versione bronze, quella più scarsa da 99 dollari e vediamo cosa che succede.

La procedura d’acquisto è stata veloce e in meno di 2 minuti ho installato il mio codice su una landing page di un mio cliente. Ok, sembra tutto bello per essere vero.  Le prime regitrazioni sembrano arrivare in tempo reale ed è possibile capire cosa fanno gli utenti sul sito… bello.

ClickTale: Vedere Quello che i Visitatori Fanno

La funzionalità di web analytics più interessante è quella che registra tutto quello che i visitatori fanno sul sito web. In pratica, come dicevo nell’incipt iniziale, e come se venisse fatto uno screencast di ogni visitatore che visita il tuo sito.  Le registrzioni sono fatte per tutte le pagine viste dal singolo visitatore, quindi è possibile risalire visivamente al percorso che gli utenti fanno sul sito.

clicktale-conversioni

Queste registrazioni vengono salvate sul server di ClickTale e potranno essere visualizzate successivamente per farci le opportune analisi.

Perchè Clicktale è Utile per Aumentare le Conversioni ?

Anche se secondo me può essere utile in molte tipologie di siti, clicktale darà il massimo dove ci sono della azioni di conversioni chiare.  Ad esempio, alcune idee di utilizzo su diverse tipologie di siti:

  • Blog e siti di Editoria Online – Potrebbe essere utile per verificare la posizione migliore dove inserire il form della newsletter (un’altro strumento interessante di clicktale è la possibilità di analizzare i form), oppure dove piazzare i banner pubblicitari.
  • E-Commerce e Prenotazioni Onlne –  Si potrebbe utilizzare per analizzare il percorso visivo che gli utenti fanno prima di compiere un acquisto e di conseguenza migliorarne e semplificare la procedura. Molti degli utenti abbandonano l’azione di conversione poichè la procedura di acquisto risulta essere molto complicata
  • Ottimizzazione Landing Page –  Si potrebbe fare degli split test a/b e vedere in tempo reale come regiscono gli utenti. In questo modo si risparmierebbe un sacco di tempo e si riuscirebbe a capire nel dettaglio dove intervenire per aumentare le conversioni.

Clicktale ha diverse altre funzionalità avanzate di Web Analytics, come lo Scrolling Heatmaps, Click Heatmaps e il Form Analytics. Rimando al blog ufficiale per capire meglio di cosa si tratta.

Conclusioni

Tempo fa avevo provato uno strumento di web analytics analago. Ricordo solo che dopo averlo provato l’ho scartato dopo neanche un minuto di utilizzo.

Se stai cercando uno strumento che ti permetta di ottimizzare conversioni e performance dei tuoi siti web, penso che al momento ClickTale sia l’unico tool di web analytics avanzato che faccia “bene” queste cose. Se ne conosci altri, i commenti sono come sempre aperti a tutti!