Approfondimenti e Strategie di Web Marketing

Archivio per la tag 'howto'

Installare Truecrypt 5.0 su Ubuntu Gutsy 7.10

TrueCrupt 5.0

Qualche giorno fa è stata rilasciata la versione 5.0 di Truecrypt con numerose novità interessanti. Per Ubuntu è stato predisposto un pacchetto deb che ne semplifica notevolmente l'installazione. Come sempre, per effettuare un'installazione pulita, basterà scaricarsi il pacchetto deb ed avviare l'installazione tramite lo script da shell presente in basso. Il pacchetto deb può essere scaricato dalla pagina dei downloads del sito ufficiale truecrypt.

CODE:
  1. tar zxvf truecrypt-5.0-ubuntu-x86.tar.gz
  2. cd truecrypt-5.0/
  3. sudo dpkg -i truecrypt_5.0-0_i386.deb

Per chi invece sta testando Ubuntu Hardy 8.04 e vuole installarci su Truecrypt 5.0 dovrà districarsi nella compilazione manuale dei sorgenti.

Kill -9 … in Windows XP – Uccidere più Processi dalla Riga di Comando

Kill -9 in nella shell Linux viene utilizzato per uccidere brutalmente uno o più processi. In Windows l'omonimo comando da dare in pasto alla shell (cmd.exe) si chiama taskkill. Questo comando risulta comado se si vogliono uccidere una serie di processi contemporaneamente, o nel caso di utilizzo in qualche script batch.

Questo post riassume brevemente le modalità principali di utilizzo di taskkill (in futuro potrebbe tornarvi/mi utile).

Se si conosce il nome del processo/i da uccidere

taskkill /IM notepad.exe
Continua..

Installare i Codec Multimediali DivX, Xvid, WMV, QuickTime ed il player Mplayer in Ubuntu Gutsy 7.10

Ubuntu codecs

Nell'installazione standard di Ubuntu 7.10 Gutsy non sono presenti la maggior parte dei codec multimediali non free. Quindi, DivX, Xvid, ecc. andranno installati separatamente. Un buon player che supporta diversi formati (MPEG/VOB, AVI, Ogg/OGM, VIVO, ASF/WMA/WMV, QT/MOV/MP4, RealMedia, FLI, YUV4MPEG, FILM, RoQ, Win32 DLL codecs,VideoCD, SVCD, DVD, 3ivx, DivX 3/4/5, WMV) è mplayer.

Installare Mplayer in Ubuntu Gutsy

Per installarle mplayer, sarà sufficiente dare in pasto alla shell questo comando:
Continua..

Installare Skype su Ubuntu Gutsy tramite APT o Synaptic

In questa guida e in quest'altra avevamo visto come installare skype su Ubuntu Linux in modo manuale(tramite il download del pacchetto di installazione e successiva installazione).

Questo metodo però, anche se funzionante, non permette di la gestione automatica degli aggiornamenti. Per fare in modo di avere a disposizione sempre l'ultima versione di Skype, facendo lavorare per noi l'update manager di Ubuntu, bisogna aggiungere al file /etc/apt/sources.list il repository dove è presente Skype. In questo modo, ogni volta verrà rilasciata una versione stabile di Skype, ci verrà notificato l'aggiornamento tramite la classica iconcina affianco all'orologio (per chi usa Gnome).

Continua..

Compiz Fusion su Ubuntu Gutsy 7.10

Per chi come me si avvicina solo ora agli strabilianti effetti offerti dal windows manager Compiz Fusion deve sapere che in Ubuntu Gutsy (e si sono già passato a Gutsy), Compiz Fusion è già incluso nei pacchetti di installazione. Quindi si tratterà solo di installare il Compiz Settings Maager per selezionare gli effetti da utilizzare.

Nota. Per far funzionare correttamente Compiz Fusion, la vostra scheda video deve essere correttamente configurata per supportare l'accelezaione grafica 3D. Questo punto non è descritto in questo post.

Cos'è Compiz Fusion ?

Le parole credo che siani inutili. Questo video rende bene l'idea delle potenzialità offerte da Compiz

Configurare Compiz Fusion su Ubuntu Gutsy

L'unico pacchetto aggiuntivo che ci serve è il Compiz Config Settings Manager. Questo va installato dal terminale con

sudo apt-get install compizconfig-settings-manager

Una volta installato il manager basterà andarè in System -> Preferences -> Advanced Desktop Effects Settings, selezionare il tab Visual Effects e flaggare Custom. Premendo su Preferences sarà possibile selezionara quali effetti grafici abilitare.

Compiz Preferences

Da questa finestra sarà possibilie abilitare e disabilitare i vari effetti grafici.

Formattare un Disco Esterno o una Chiavetta USB su Ubuntu Linux

Se il disco (nel resto del post quando parlerò di "disco" farò riferimento a qualsiasi dispositivo di memorizzazione usb, come un disco esterno, una chiavetta usb, una pen drive, ecc...) è nuovo sarà necessario almeno creare una partizione primaria. Questa può essere creata in maniera grafica con qtparted, oppure dalla shell con fdisk.

QTparted screenshot
QTParted Screenshot

Prima di procedere con la creazione della partizione devi individuare il nome del dispositivo a cui fare riferimento. Se non sai a quale device corrisponde la periferica usb (dovrebbe essere qualcosa del tipo /dev/sda o /dev/sdb), fai così:

  1. Stacca il cavo del disco o la chivetta dalla porta usb
  2. Dalla shell digita dmesg | tail
  3. Riattacca il cavo alla porta usb

Dovrebbe comparirti il log con le informazioni del disco usb appena collegato.

Creare la partizione con fdisk


Ora se non hai mai creato la partizione, puoi crearla in maniera visuale con qtparted (per installarlo sudo apt-get install qtparted) , o meglio con fdisk. Proviamo con fdisk (occhio a non sbagliare disco!!!). Dal terminale

sudo fdisk /dev/sdX

(dove X è la lettara del tuo disco che hai identificato prima). Premendo "m" otterrai il menu ("d" e' per cancellare le partizioni "n" per aggiungerle)
es.: sudo fdisk /dev/sdb

Una volta sistemate le partizioni, puoi farne una unica se e' un disco di "repository", oppure più di una. Ora possiamo procedere con la formattazione, ovvero la creazione del filesystem.
Prima di fare questo, devi stabilire se il disco, la chiavetta il pen-drive usb deve essere utilizzato solo con Linux oppure con Windows e Linux.

Creazione del Filesystem per utilizzo del disco solo con Linux

Dal terminale

sudo mkfs.etx2 /dev/<partizione-appena-creata>
(o mkfs.ext3 se vuoi usare il journaling o anche mkfs.reiserfs)
es.: sudo mkfs.ext2 /dev/sdb1

Creazione del Filesystem per utilizzo del disco sia con Windows che con Linux

Dal terminale

mkfs.vfat /dev/<partizione-appena-creata>

Ubuntu ora dovrebbe in automatico riconoscere il nuovo disco e mostrarti un'icona sul Desktop. Se questo non dovesse accadere, basterà "montare" manualmente il disco dalla shell con il comando mount.

es.: sudo mount -t ext2| /dev/sdb1 /mnt/<CartellaDiDestinazione>

o

es.: sudo mount -t vfat /dev/sdb1 /mnt/<CartellaDiDestinazione>

Alcuni Link Utili

OpenLinux - Guida al miglior partizionamento del disco rigido

La “Lista delle Liste” (Raccolta Di Link Utili per WordPress, Firefox, Soldi e altro…)

MaestroAlberto ha realizzato una "Lista delle Liste" con le varie raccolte di plugin, temi, estensioni e quant' altro prodotte dall'autorevole blog americano Mashable. I link sono stati catalogati per tipologia e tradotti in italiano. Ottima risorsa che può tornare sempre utile. Ottimo lavoro Maestro!
Ecco il listone:

WordPress:

Continua..