Approfondimenti e Strategie di Web Marketing

Affiliate Marketing: Sai Come Funziona ?

L’ Affiliate Marketing (conosciuto in Italia con il termine generale “Affiliazioni”) è una particolare tecnica di Marketing applicata su Internet.

Nell’ affiliate marketing, i venditori online (chiamati “merchant”) ti permettono di pubblicizzare i loro prodotti sul tuo sito web. In cambio, il merchant ti paga una commissione quando un visitatore acquista qualcosa passando dal tuo sito web/blog.

Cosa è un “Programma di Affiliazione” ?

Sicuramente avrai sentito parlare di programmi di affiliazione.

Un programma di affiliazione (affiliate program) è la parte amministrativa che gestisce le relazioni tra i merchant (come ad esempio Amazon) e le persone (come te) che voglio vendere online i loro prodotti.

Generalmente, per partecipare ad un programma di affiliazione  basta iscriversi, compilare alcuni form e chiedere l’autorizzazione ai vari merchant per vendere i loro prodotti.

Chi sono gli “Affiliati” ?

L’ “Affiliato” è colui che promuove attraverso il web un prodotto/servizio e ne riceve una commissione se il cliente esegue una determinata “azione”. L’ “azione” può essere la vendita di un’oggetto/bene/servizio o semplicemente l’acquisizione di un nuovo contatto commerciale.

Fare Affiliate Marketing in Italia

Ci sono diverse realtà serie che funzionano bene anche nel nostro paese. Queste sono alcune società con diversi programmi di affiliazione in Italia:

Hai avuto qualche esperienza con programmi di affiliazione ? Lascia la tua opinione con un commento.

17 Commenti

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


17 Risposte a “Affiliate Marketing: Sai Come Funziona ?”

  1. 1

    Bobo dice:

    Io posso solo confermare, come spesso si legge, la totale mancanza di servizio assistenza di Tradedoubler; è un vero peccato che può vantare affiliazioni davvero varie ed interessanti, ma ci si scontra con questa mancanza che a volte è davvero penalizzante.

  2. 2

    Satollo dice:

    La vera difficoltà che ho trovato io riguarda il tempo che è necessario dedicare per questo tipo di marketing: normalmente è necessario scrivere una recensione di qualcosa (sia un prodotto diretto o di un argomento correlato) per cercare di fare vendite e la cosa richiede tempo, spesso più tempo di quanto è l’introito finale. Chiaro che poi dipende dall’obiettivo che uno si pone: se come consulente informatico prendo 400 euro al giorno, dovrei prendere tanto quanto (in media) per un giorno speso a scrivere contenuti o occuparmi di questi tipi di “lavoro”.

    La mia esperienza, probabilmente per il basso traffico del sito e per il tempo che vi ho dedicato, è stata negativa. Consiglio, a chi vuole intraprendere la strada, di dedicarci adeguato tempo e costruirsi un nome affidabile ed una adeguata comunità, altrimenti consigliare prodotti non rende.

  3. 3

    GuadagnoBlog dice:

    Ho scritto un articolo recentemente sul mio blog che parla delle affiliazioni per gli ebook (è ancora in homepage). Secondo la mia personale opinione è più il tempo che si perde per cercare di promuovere i prodotti (o anche i soldi con Adwords) che il guadagno. Chi guadagna veramente dalla vendita di ebook sono i proprietari perchè i siti sono meglio piazzati sicuramente di quelli dell’affiliato.

  4. 4

    rammit dice:

    C’è chi, come problogger.net o chris pearson di pearsonified, non fa altro che parlarne. Io ovviamente non sono un esperto e soprattutto parlo di pura teoria (di internet cerco di seguire e capire tutto… Anche se spesso con scarso successo :P).
    Non ho mai provato questa esperienza, ma essendo ormai impegnato da 20 mesi a costruirie pian piano la popolarità di un sito per altri scopi, posso dire con una certa sicurezza che l’affiliate marketing è esattamente la stessa cosa… Lo è al 100%, perchè farti un sito popolare è l’unica strada per fare dell’affiliate marketing.

    Creare un sito è sempre uguale: i risultati iniziali scarseggiano, le difficoltà sono tante, bisogna essere dei buoni SEO, bisogna ingegnarsi a fare i copywriter (copyblogger?) bisogna offrire contenuti di qualità, bisogna creare un archivio di contenuti di una certa dimensione e bisogna avere una pazienza di Giobbe.

    Però, stando a sentire chi dell’AM ne ha fatto il proprio lavoro, i risultati alla fine arrivano, ammesso che questo lavoro tu lo sappia fare. Dopo tutto VENDI DAVVERO LE COSE, e non preghi che la gente clicchi sugli ad. Lo scopo è concreto, non è un ridicolo piano “guadagna facile da internet”, e per questo è rischioso esattamente come avviare qualsiasi altra attività, ed altrettanto impegnativo.

    Se anche lavori in pigiama, fai lo stesso un bel po’ di fatica.

  5. 5

    Francesco Gavello dice:

    Credo che tutto risieda nel grado di influenza che colui che promuove possiede nei confronti di chi legge.

    Inserire semplicemente una marea di link affiliati non avrà alcun risultato, se non si è -prima- stabilita una certa influenza sul target. La classica fiducia, insomma.

    E credo che sia attuabile anche in Italia 🙂 Come dici giustamente tu Daniele a fine post, le soluzioni disponibili non mancano.

  6. 6

    Stefano, Wordpressmania.it dice:

    Per quanto riguarda la mia personale esperienza è fondamentale scegliere con attenzione il settore in cui si “investe” per l’AM.
    Ci sono settori in cui è possibile ottenere buoni risultati e altri in cui il guadagno è pressochè nullo.
    Di positivo penso che ci sia l’aspetto “etico”, che un blogger deve tenere a mente: se scrivo, come nel mio caso, di wordpress, e mi imbatto in temi, plugin o ebook a pagamento che vale la pena proporre, perchè possono essere utili ai miei lettori loro stessi apprezzeranno la segnalazione, indipendentemente che da questa io possa ottenere una percentuale.

  7. 7

    Bruno dice:

    Il mercato delle Affiliazioni qui in Italia è decisamente diverso sia come numeri che come mentalità rispetto a quello oltreoceano.
    Le società che offrono i programmi di affiliazione qui da noi generalmente offrono bassi ricavi e la durata del cookie non va oltre i 30 giorni.
    Esiste però un’alternativa ed è quella del Super Affiliato che ho spiegato sul mio blog dove non ci si limita a proporre un prodotto diretto ma si tende a fidelizzare ottenendo risultati nel tempo.

    Bruno

  8. 8

    Daniele dice:

    Grazie a tutti per i vostri contributi. Sono punti di vista molto interessanti!

  9. 9

    Roberto dice:

    Penso che le affiliazioni siano il miglior sistema di guadagno online, oermettono di guadagnare anche con poca esperienza e facendo un lavoro che io trovo addirittura divertente.

    Come dice Bruno, quando si fa esperienza in questo campo si può passare a sistemi superaffiliates che permettono di aumentare i guadagni.

    le affiliazioni sno convenienti per tutti, sia per i merchants che per gli affiliati, gran cosa… 🙂

  10. 10

    Bobo dice:

    Ma voi riuscite a trarre soddisfazioni maggiori dalle affiliazioni piuttosto che dalla pubblicità contestuale? Io le affiliazioni le ho sempre spinte poco, ma anche perchè non ho mai visto (nel mio caso) ampi margini di miglioramento.

  11. 11

    Roberto dice:

    Io guadagno regolarmente non dico uno stipendio ma quasi solamente sfruttando i programmi di affiliazione.

    Non dico sia facile all’ inizio, non mi stanco mai di ripetere che ci vuole pazienza, formazione e tanta voglia di fare… i risultati piano piano arrivano…

    Finora non mi sono dedicato più di tanto alla pubblicità contestuale ma è comunque una buona soluzione.

    Sono dell’ idea che ognuno debba scegliere il sistema che più fa per lui senza forzare e fare qualcosa che non gli piace solo per trarre profitto, è lo stesso errore che fa chi lavora… 😀 😀

  12. 12

    ilmioguadagno dice:

    Io concordo con Franceso Gavello: molto importante è l’influenza che si ha in chi legge!
    Più si è autorevoli e affidabili, maggiore sarà il successo.

    Certo, ovviamente ci vuole pazienza, tanto studio ed esperienza ma con il tempo i risultati arrivano.

    Ciao

    Stefano

  13. 13

    fabioweb dice:

    Salve a tutti, io riporto la mia esperienza positiva di un programma di affiliazione appoggiato al sito http://www.xxxxx.co.uk che consiste nell’acquistare un spazio pubblicitario (per minimo 300€) e concederlo in affitto alla stessa società che l’ha venduto che ti paga il 3% MENSILE (tutto accompagnato da fattura e contratto). Poi se presenti qualcuno ti danno l’1% al MESE sul primo livello e il 0,5% al MESE sui successivi 4 livelli. Tutto visibile e gestibile da un’area riservata che permette di tenere costantemente sotto cotrollo l’evoluzione del proprio business.
    Funziona come le società che costruiscono case, poi le vendono e gestiscono gli affitti e pagano una % a chi porta altri acquirenti di case, solo che l’investimento minimo è di 300€ coperti da patto di ricquisto. Semplice no!?

    Il tutto è gestito da una holding che ha società di realestate e fondi d’investimento in svizzera.

    Il bello di questo programma è che è appena partito e in tutto il mondo ci sono solo 1.100 iscritti in 6 paesi (italia, spagna, germania, cina, bulgaria, romania); pensate che sviluppo può ancora avere…

    Se siete interessati scrivetemi a xxxxxx e vi darò del materiale e, se vorrete, vi farò accedere al programma (l’unico modo per accedervi è essere presentati da una persona già all’interno).

  14. 14

    Che cos’è l’Affiliate Marketing? dice:

    […] Si tratta di una particolare tipologia di Marketing su Internet, conosciuta in Italia con il termine di affiliazioni. La relazione si instaura tra i venditori on-line (chiamati “merchant”) e chi possiede un sito. I primi fanno pubblicizzare ai secondi i prodotti sul loro sito ed in cambio pagano loro una commissione nel caso in cui avvenga un acquisto tramite la visione del loro sito. Per sapere che cosa è un programma di affiliazione, chi sono gli affiliati e come è la situazione di questa realtà in Italia, leggi l’articolo di Daniele Salamina. […]

  15. 15

    andrea dice:

    Ciao volevo riportare la mia esperienza, mi sono da poco lanciato in una nuova avventura che è quella dell’e-commerce (in Italia!!!) di conseguenza ho pensato di buttarmi nell’affiliate marketing..quindi da poco sul mio sito anche la sezione destinata agli affiliati..lavoriamo nel settore matrimoni…e non abbiamo fatto nessun accordo con intermediari tipo zanox tradedoubler etc.etc…sinceramente non sono riuscito nemmeno ad avere un contatto..beh per ora il fai da te poi si vedrà…

  16. 16

    Rossella dice:

    Io non credo piu in questo di collaborazioni. Tanta pubblicità spazzatura sul proprio sito web. Credo per per guadagnare bisogna stimolare la propria fantasia e studiare metodi e strategie per il proprio lavoro…

  17. 17

    Chanda dice:

    Scrivere contenuti è compito dell’editor, c’è gente come me che si occupa esclusivamente di redigere testi pubblicitari per il web finalizzati appunto ad ottimizzare la strategia di affiliate marketing e non solo. Se non si ha dimestichezza con la scrittura, o non si possiede abbastanza tempo per dedicarcisi, quello di avvalersi di una “penna” sapiente può essere un buon investimento. I risultati arrivano!

Spiacente, i commenti sono chiusi.