Approfondimenti e Strategie di Web Marketing

Archivio per giugno, 2010

AdWords Quality Score: Come Aumentare il Punteggio di Qualità AdWords e Spendere Meno

Per chi si avvicina ad Adwords sicuramente avrà sentito parlare di Quality Score o Punteggio di Qualità. Per chi invece è già un “esperto” saprà sicuramente di cosa sto parlando 😉 In due parole: più il tuo quality score adwords è alto, meno spendi e più la tua campagna è performante.

L’esempio mostrato nell’immagine di sopra è relativo ad alcune keyword di una campagna di un mio cliente. Ovviamente si tratta di un caso non troppo frequente. Avere quasi tute le key un punteggio di qualità 10/10 significa è quasi impossibile e significa aver fatto un lavoro eccezzionale, non ottimo. Per intenderci, arrivare ad ottenere su una buona percentuale di keyword i 7/10 è già un ottimo risultato su cui metterei la firma.

Perchè è stato introdotto il Quality Score Adwords ?

Fino a non molto tempo fà era possibile acquistare qualsiasi keyword, anche se irrilevante con quello che volevamo pubblicizzare e collegarla ad una qualsiasi pagina web (Esempio: compriamo key “pomodori” mentre la pagina vende “calzini”).

Il punteggio di qualità è stato introdotto da Google per risolvere questo problema. Nello specifico google punta da sempre sul discorso della “user experience” ottimale dei suoi risultati. Con l’introduzione del punteggio di qualià si vuole evitare che:

  1. La Landing page è irrilevante: l’utente finisce su una pagina che non centra con quello che sta cercando;
  2. Falsa promessa nell’annuncio: viene promesso qualcosa nell’annuncio, mentre nella pagina c’è tutt’altro;
  3. Evitare i risultati duplicati: più inserzionisti fanno pubblicità sullo stesso sito;

Come aumentare il Quality Score Adwords: 4 cose che devi sapere e applicare

Il Quality Score Adwords può essere migliorato e questa secondo me è una delle abilità con un bravo consulente in search marketing deve assolutamente padroneggiare. In ogni caso, se vuoi aumentare il quality score ti consiglio di prestare attenzione a queste 4 cose:
  1. Rilevanza dell’annuncio con le keyword: Nell’annuncio dovranno essere presenti le keyword. Se acquisti la key “patate”, cerca di inserirla nell’annuncio;
  2. Qualità della Landing Page: google aumenterà il cpc medio se il contenuto della pagina non è pertinente con le keyword degli annunci; In casi estremi e se il punteggio di qualità è molto basso, Adwords potrebbe farti pagare un cpc molto alto oppure non pubblicare l’annuncio con quelle keyword. Quindi fai in modo che la tua landing sia pertinente con le keyword che acquisti!
  3. Aumentare il CTR: più il ctr è alto, meglio è. Questo significa che il tuo annuncio è scritto bene e ci sono parecchie persone che lo cliccano. Di conseguenza Adwords nel corso del tempo ti premierà.
  4. Storia del tuo account: Proprio in questi giorni un mio amico mi ha detto: “Daniele finalmente comincio ad ottenre qualche risultato con Adwords”. In effetti, la “storia dell’account”,della singola campagna, dei singoli annunci, ecc..  sono dei fattori che Adwords prende in considerazione. Quello che ti serve sapere è:  Google ti premia quanto più a lungo tieni attive le tue campagne 😉. Dal punto di vista del business è abbastanza sensato: google cerca di tenersi in vecchi clienti che investono con costanza su Adwords e li premia.
Come ultima cosa, ma non meno importante: presta particolare attenzione alla velocità di caricamento della pagina di destinazione.Mi è capitato di avere punteggi di qualità estremamenti bassi nonostante tutti i criteri di qualità fossero rispettati. Il motivo principale era dovuto alla lentezza della landing page.

Riesci a Rimanere Focalizzato ed a Eliminare le Distrazioni ?

Capita anche a te di distrarti in continuazione mentre sei al computer ? Ora una mail, ora un messaggio su skype, ora una telefonata… e fai tutto tranne quello che hai programmato di fare!

Giusto per confermare questo, proprio in questo momento mi sono distratto: dovrei stare ad ultimare le slide per il Workshop 20MasterLab, mentre invece sto facendo tutt’altro. Cose da pazzi… non è servito neanche staccarmi da internet, le notifiche Push dell’iPhone mi tampinano in continuazione! Disattivate 😉

Detto questo, mi segno questo video post di Darren Rowse, con la promessa di rividerlo ogni volta in cui mi distraggo. Se avete soluzioni alternative e più efficaci per evitare le distrazioni vi offro una birra splugen 😉