Approfondimenti e Strategie di Web Marketing

Archivio per settembre, 2007

Come Leggere e Scrivere su FileSystem NTFS in Ubuntu Linux con il Driver NTFS-3G

Fino a qualche tempo fa, scrivere da un sistema Linux su una partizione NTFS (filesystem utilizzato dai sistemi Windows XP, Windows Server 2003, Windows 2000 e Windows Vista) era un’operazione difficilmente fattibile.

NTFS-3G è un driver open source disponibile per la maggior parte delle distribuzioni linux che permette di leggere e scrivere partizioni NTFS. NTFS-3G non è un progetto nato da poco, gli svilupi di questo driver vanno avanti oramai da ben 12 anni!. Solo da Febbrio 2007, NTFS-3G è stato rilasciato in versione stabile garantendo anche la piena compatibilità con la scrittura del filesystem NTFS.

Vediamo come installare NTFS-3G su Ubuntu Linux e farlo funzionare.

1 – Installiamo NTFS-3G

Dal terminale digitiamo:

[code]
sudo apt-get update
sudo apt-get install ntfs-3g ntfs-config
[/code]

Continua..

Come Recuperare una Password Dimenticata in Ubuntu Linux

A tutti capita prima o poi di dimenticarsi la password di accesso al propio sistema Linux. Tramite questa procedura, applicabile ad Ubuntu Linux, ma anche a qualsiasi altro sistema Linux che utilizza come boot loader Grub, sarà possibile modificare la password di login. Vediamo come fare

  1. All’avvio del pc, e quando viene mostrata la schermata di Grub premere ESC.

    Grub boot

  2. Premere il tasto ‘e‘ e posizionarsi sulla linea che inizia con ‘kernel ‘ e premere nuovamente ‘e‘.

    Grub prompt

  3. Ora posizionarsi con i tasti freccia alla fine della riga ed aggiungere ‘rw init=/bin/bash
  4. Premere invio e premere il tasto ‘b‘ per avviare il sistema.

Se tutto è stato fatto correttamente dovrebbe apparire la shell di root. Quindi ora da quì possiamo cambiare la password dell’ utente di cui abbiamo dimenticato la password o anche dell’utenza root. Basterà dare in pasto alla shell il comando ‘passwd nomeutente‘ dove nomeutente è il nome dell’ utenza che si desidera cambiare la password.

A questo punto la password dovrebbe essere stata cambiata. Riavviare il sistema con ‘reboot‘. Al prossimo login sarà possibile utilizzare la nuova password.

Rilasciato WordPress “Dexter” 2.3

Come sicuramente avrete notato dalle news della Dashboard di WordPress, oggi è stata rilasciata la versione 2.3 del nostro amato gestore di blog ;-). Riassumo brevemente quali sono le novità più importati di questa release:

  • Supporto nativo per i tag. Il gestore dei tag è stato incluso direttamente nel core-motore di WordPress. Sarà possibili migrare i tag dei plugin Ultimate Tag Warrior, Jerome’s Keywords, Simple Tags, and Bunny’s Technorati Tag.
  • Notifica update dei plugin e di wordpress. Saremo avvisati quando saranno disponibili delle versioni aggiornate dei plugin e di wordpress.
  • Gestione ottimizzata degli URL. Sarà possibile intervenire sugli URL per ottenere dei miglioramenti a livello si SEO.
  • Editor WYSIWYG migliorato.

L’ aggiornamento a WordPress 2.3 deve essere fatto con prudenza. Questo poichè molte cose sono cambiate e la maggior parte dei plugin non funzionerà. Quindi la prima cosa da fare e di controllare se tutti i vostri plugin sono compatibili con la versione 2.3. Inoltre, con l’inclusione dei tag nel core di wp, anche il template del vostro tema dovrà essere opportunamente modificato. Nel mio caso, il template del tema K2 che utilizzo non funzionerà poichè è stata modificato per essere compatibile con il plugin Simple Tags.

Qualche link utile

Inclusione in Google News

Tanto lo sapevo… era scontato… alla fine questo blog è solo uno dei tanti che non merita di essere incluso in nessuna directory degna di nota, ne tantomeno quella di Google. In effetti la richiesta di inclusione in Google News è servita solo per vedere se avrei avuto una risposta e che tipo di risposta da parte del team di Google (figuriamoci se un blog semi geek è fonte ufficiale di notizie 😉 ). E così è stato (e lo apprezzo)… Dopo qualche giorno di attesa la mail è arrivata, con tanto di spiegazione con le motivazioni per il rifiuto all’inclusione:

Gentile Daniele,

La ringraziamo per il messaggio. Abbiamo esaminato il suo sito e non siamo
in grado di includerlo su Google News. Al momento includiamo soltanto
articoli da fonti di notizie che possono essere considerate delle
organizzazioni editoriali
. In genere, queste sono caratterizzate da
molteplici autori ed editori, dalla presenza di informazioni
sull’organizzazione e dall’accessibilità ai contatti del sito. Quando
abbiamo visitato il suo sito non siamo stati in grado di verificare la
presenza di questo tipo di organizzazione.

Allo stesso modo non includiamo siti contenenti notizie che sono creati ed
aggiornati da un solo individuo
. La ringraziamo nuovamente per averci
contattato e le assicuriamo che terremo il suo sito in considerazione nel
caso in cui i nostri requisiti di inclusione dovessero cambiare.

Cordiali saluti,
Il team di Google

Ok per il primo, ma per il secondo requisito “creati ed aggiornati da un solo individuo” non lo capisco poi tanto… che senso avrebbe questo requisito secondo voi ? Conoscete qualche blogger ospite di Google News ?

And the Winner is…

85

Neon – http://io.facciocose.it! Complimenti! Ti porti a casa il magnifico paccotto del contest delle orecchiette. Comincia a mettere l’acqua sul fuoco 😉

Testa o … ?

Sacrosante parole da chi ragiona con la testa sul collo:

….
Perché alcune persone pretendono con prepotenza ed ingenuità di stabilire cosa è giusto e cosa non è giusto fare (sempre rimanendo dell’ambito della legalità e del rispetto dei diritti di terzi, sia ben inteso) nel mondo di internet, della comunicazione e dei blog in particolare? Dobbiamo per forza diventare tutti belli, alti e con gli occhi azzurri ed aspirare al premio Nobel per la Pace, la Letteratura o la Scienza? E voi che dite che quello non è un vero blog, quell’altro non è un vero Camp, quell’altro ancora ha organizzato la beneficenza o il contest solo per scalare le classifiche (e magari minacciate pure di togliere il saluto o il link a chi intendesse parteciparvi) siete così tranquilli e sicuri di non avere scheletri nell’armadio? Possibile che sia così difficile distinguere, selezionare e seguire soltanto ciò di cui si sia realmente interessati, senza stare a frantumare i coglioni al prossimo con tutte quelle pippe mentali? Possibile che sia così difficile informare sui pericoli nascosti dietro a certe iniziative, evitando però attacchi personali, provocazioni puerili e polemiche distruttive?
….

Autoroll e BlogRush – Due Nuovi Widget Per Incrementare i Visitatori del Blog

Da qualche giorno sto sperimentando due nuovi widget per il blog che promettono di attirare nuovi visitatori verso il “proprio mulino”. Li potete vedere in azione nella sidebar in basso a destra.

Autoroll

Autoroll
Autoroll (sulla sinistra uno screenshot), una volta inserito come widget nella sidebar, visualizza una lista di blog correlati con il blog su cui viene installato. La lista dei blog è aggiornata dinamicamente tramite un algoritmo chiamato “Criteo Recommendation Engine“.

Lo utilizzo da circa una settimana ed effettivamente i blog che mi vengono mostrati sono in qualche modo correlati al mio.
Dalla statistiche di Autoroll risultano essere arrivati circa 200 visitatori unici. Non male…

Per gli utenti wordpress è possibile scaricare un plugin AutoRollForWP che facilita l’inserimento dell’autoroll nella sidebar come qualsiasi altro widget.

BlogRush

BlogRush
BlogRush è un widget che mostra una lista di post provenienti da altri blog. La lista conterrà articoli inerenti al topic del vostro blog.

Per far si che un nostro post sia mostrato nella widget di un’altro blog bisogna avere dei crediti. Questi crediti vengono accumulati in base a diversi fattori come i click sui post provenienti dal vostro widget.

Attualmente BlogRush è in fase beta ed è installabile solo per i blog in lingua inglese. Quindi, per noi italiani, c’è il rischio di essere cancellati (e vabbe chissenefrega… un widget in meno 😉 ).

MaestroAlberto lo utilizza oramai da qualche giorno e non è stato ancora cancellato ;-). Inoltre c’è chi ha trovato 5 modi per far fruttare ancor di più le potenzialità di questo widget.